Messa di Natale 2017 Diocesi Di Sora

Tra gli eventi più importanti del calendario liturgico cristiano, sicuramente insieme alla Pasqua, vi è il Santo Natale, che segna per il mondo cristiano, la Nascita di Gesù. Per festeggiare la Nascita, viene celebrata la Messa di Natale il 25 dicembre presso le Chiese Cristiane. Il termine giunto a noi, “Natale”, deriva dal latino cristiano Natāle(m), per ellissi di diem natālem Christi, che appunto significa giorno di nascita di Cristo”,  perché a sua volta deriva dal verbo latino nāsci, ovvero nascere. Per indicare tale evento, vengono utilizzati anche i termini di Natale di Gesù o Natività del Signore; dove la prima attestazione cristiana del 25 dicembre risale all’anno 204, per decisione di Ippolito di Roma.

La data del 25 dicembre, secondo alcune fonti storiche, corrisponde alla celebrazione pagana del solstizio d’inverno, secondo cui vi è la nascita del nuovo sole, succedutasi dopo la notte più lunga dell’anno, ovvero il“Natalis Solis Invicti”. Così, in questo giorno, si vuole celebrare la nascita di colui che rappresenta la “luce del mondo”. Nel calendario romano, la denominazione di “Natalis” aveva diverse funzioni, poichè rappresentava  più festività, ad esempio il Natalis Romae (21 aprile), che commemorava la nascita dell’Urbe, e anche il Dies Natalis Solis Invicti, la festa dedicata alla nascita del Sole (Mitra), che fu introdotta a Roma dall’allora imperatore Eliogabalo e fu poi ufficializzato per la prima volta da Aureliano nel 274 d.C. con la data del 25 dicembre.

La Santa Messa di Natale celebra il mistero delle redenzione, che ha poi nella Pasqua il suo momento culminante. Il Natale rappresenta infatti il punto di partenza verso la salvezza ordinata al riscatto dell’uomo. Infatti le preghiere, le letture bibliche e gli altri testi che si tengono durante le Messe del calendario dell’Avvento Cristiano, vertono sulla dimensione del Natale, in termini di salvezza. L’Avvento Cristiano simboleggia la preparazione religiosa al Natale con la Nascita del Bambino Gesù, e anche una guida spirituale verso l’attesa della seconda venuta del Cristo alla fine dei tempi. Per il Santo Natale, le celebrazioni sono la messa vespertina della vigilia, quella ad noctem (cioè la messa della notte), la messa in aurora e la messa in die (nel giorno). La Diocesi di Sora Cassino Aquino Pontecorvo celebra il Calendario dell’Avvento Cristiano nelle quattro domeniche e svolgerà il tempo liturgico del Natale con i primi vespri del 24 dicembre, per terminare il giorno successivo, con la domenica del Battesimo di Gesù.

Il Vescovo della Diocesi di Sora Cassino Aquino Pontecorvo, Monsignor Gerardo Antonazzo, celebra con la solennità del Natale la manifestazione del Verbo di Dio agli uomini, in quanto la Santa Messa di Natale rappresenta il ricordo della nascita di Gesù, e quindi il «Verbo fatto carne». Pertanto, seguendo lo spirito suggerito dalla stessa liturgia, la Diocesi di Sora Cassino Aquino Pontecorvo, commemora “Il Verbo”, attraverso le Messe che descrivono e divulgano il messaggio della «nascita eterna del Verbo nel seno degli splendori del Padre; l’apparizione temporale nell’umiltà della carne; il ritorno finale all’ultimo giudizio». Lo spirito del Natale, risiede prima di tutto nel significato profondo del giorno della redenzione, che pertanto può garantire la felicità eterna in ogni fedele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *